Confartigianato - Comunicati
30/10/2014

Furti in serie: le aziende chiedono maggiori controlli

Situazione intollerabile a Villa Selva

 Le aziende di Villa Selva da alcune settimane sono nel mirino di una banda di ignoti che, puntualmente, nelle prime ore della notte, fanno razzia nei diversi stabilimenti produttivi. 

Confartigianato di Forlì ha raccolto lo sfogo di un associato, Daniele Zanoni del Cantiere Nautico Forlivese srl, che descrive la situazione intollerabile “la mia azienda, in una settimana, è stata visitata due volte dai ladri, che, oltre ad aver arrecato danni ai serramenti, forzati, hanno anche sottratto alcune dotazioni tecnologiche, tra cui un laptop contenente importanti progetti di lavoro. Abbiamo denunciato l’accaduto alle Forze dell’Ordine, ma quello che chiediamo è una maggiore vigilanza nell’area.” Continua l’imprenditore “il nostro territorio sta perdendo attrattività anche nei confronti degli investitori, la microcriminalità è un deterrente molto forte per chi desidera avviare una collaborazione con le imprese locali. La percezione dell’insicurezza è diffusa e acuisce una situazione già compromessa dai lunghi anni di crisi.” L’analisi dell’imprenditore è chiara e, purtroppo, comune a molti “le difficoltà nel trovare commesse di lavoro, unite a clienti troppo spesso inadempienti, da cui pare impossibile ottenere il saldo di quanto dovuto, si aggiungono a una realtà in cui i controlli da parte delle autorità competenti sono estremamente minuziosi sull’operatività aziendale, mentre la criminalità può agire con la quasi certezza dell’impunità.” Zanoni è giustamente amareggiato “continuare a tenere aperta un’attività produttiva in un contesto simile è davvero una sfida, frutto della passione e dell’orgoglio di portare avanti l’azienda di famiglia, che occupa venti persone.” Ma il rischio è che anche quest’amore per il lavoro, alla fine, venga meno, schiacciato dalla concorrenza di territori in cui i controlli sono molto più lassi, la burocrazia meno soffocante e con maggiori tutele per chi lavora.
torna all'elenco Comunicati