Confartigianato - Comunicati
24/04/2015

L’impresa si presenta agli studenti forlivesi

Concluso il ciclo di incontri coi ragazzi del liceo economico sociale

 “L’impresa è un’attività economica organizzata, diretta alla produzione e allo scambio di beni e servizi, esercitata professionalmente dall’imprenditore allo scopo di creare ricchezza.” Questa è la definizione con la quale è stato aperto il primo ciclo di incontri realizzati nei mesi di marzo e aprile da Confartigianato di Forlì coi ragazzi del Liceo Economico Sociale sui temi dell’impresa.

Una serie di appuntamenti che ha offerto ai giovanissimi l’opportunità di confrontarsi col linguaggio aziendale, inclusa la terminologia per rapportarsi con gli istituti bancari. Informazioni utili anche per gli studenti, che magari desiderano acquistare uno scooter a rate e dovranno fare i conti, nel senso letterale del termine, con concetti come Tan e Taeg. Ma non solo. È stata avviata una riflessione sulla capacità di far fronte al cambiamento, alla modalità di interpretare la realtà uscendo dai propri schemi mentali precostituiti, per essere maggiormente efficienti anche di fronte all’inatteso. Mauro Collina, il funzionario di Confartigianato che ha preso parte all’iniziativa, spiega “da alcuni anni abbiamo intensificato i momenti di incontro coi ragazzi degli istituti superiori forlivesi per offrire un punto di vista diverso. Una lettura del lavoro dal punto di vista dell’imprenditore e non solo di chi sceglie un'occupazione impiegatizia. Soprattutto dal 2008 a oggi, fare impresa sembra una scelta quantomeno ardita, in tempi di crisi il mito dello stipendio fisso sembra preferibile. Eppure quotidianamente incontriamo nei nostri uffici giovani che decidono di mettersi alla prova costruendo la propria idea imprenditoriale. Dare a chi è ancora sui banchi di scuola qualche spunto di riflessione, può consentire di orientare meglio anche l’eventuale scelta della facoltà universitaria.” Il buon esito dell’iniziativa è confermato da una breve relazione che i ragazzi delle classi partecipanti hanno redatto nella quale si legge “l’incontro è sembrato quasi un’esortazione al mondo economico, a non perderci d’animo per il periodo buio dell’economia italiana. Se il nostro sogno è diventare imprenditori, tutto ciò può accadere. Perciò, a chi crede che l’economia sia una scienza pazza ed incomprensibile, noi possiamo dire che, in realtà, è più utile di quanto sembri. Ma soprattutto che (purtroppo o per fortuna) la possiamo trovare in qualsiasi momento della nostra vita.”
Una testimonianza ricca di freschezza e una conferma dell’importanza del dialogo tra le aziende e l’istruzione.
 
torna all'elenco Comunicati