Confartigianato - Comunicati
24/11/2012

Professione Bellezza: i nuovi trend dell’acconciatura illustrati in anteprima all’Hotel Globus

Il 26 novembre a partire dalle 14 l’evento di Confartigianato Forlì

Il 26 novembre a partire dalle ore 14 all’Hotel Globus si terrà il secondo appuntamento dedicato ai professionisti della bellezza, con un programma appositamente pensato per gli acconciatori. Introdotti dal presidente dei servizi alla persona di Confartigianato Forlì Alberto Brunelli e moderati dalla responsabile del comparto Fabiola Foschi, i lavori si articoleranno in due fasi, la prima di dibattito coi contributi di Umberto Pallareti, amministratore delegato di Formart che illustrerà le numerose offerte formative e di Ermes Naccari esperto della legislazione che disciplina il benessere, mentre la seconda, maggiormente operativa, darà modo agli  intervenuti di vedere in anteprima la presentazione dei nuovi servizi colore, delle nuove collezioni taglio e acconciature.

Essere un professionista del benessere richiede una formazione continua, la capacità di individuare i migliori trattamenti e un’attenzione ai nuovi trend della moda, per garantire la massima qualità all’utenza; appuntamenti, come quelli organizzati da Confartigianato di Forlì, sono l’occasione per favorire l’approfondimento su di un mestiere in continua evoluzione.
Malgrado la crisi economica che da ormai quattro anni ha investito tutti i settori produttivi, con pesanti riduzioni nel numero delle imprese attive anche nel nostro territorio, il settore dei servizi alla persona continua a far registrare segnali positivi, grazie all’entusiasmo, alla voglia di fare e al profondo attaccamento alla professione. “Gli imprenditori del benessere si trovano a combattere quotidianamente con le criticità connesse alla crisi, acuite da una percentuale in crescita di abusivi nel settore.” Spiega Fabiola Foschi “un fenomeno che incide pesantemente non soltanto sui guadagni degli imprenditori regolari, ma anche sull’evasione fiscale ai danni dell’intera collettività. Senza dimenticare un aspetto ancora più grave: gli effetti nocivi di trattamenti inadeguati sulla salute dei consumatori, sia per l’utilizzo di prodotti non sicuri o contenenti componenti dannosi, sia per l’imperizia di coloro che li somministrano.”

torna all'elenco Comunicati