Categorie:
Affari Generali, Emergenza COVID-19

A tale indennità possono accedere i liberi professionisti con partita IVA , iscritti alla Gestione Separata e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che non siano titolari di un trattamento pensionistico diretto, ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità.

Per ottenere l’indennità di maggio, oltre alla partita IVA attiva alla data del 19 maggio 2020, occorre dimostrare di aver subìto una perdita di reddito del 33% nel secondo bimestre 2020 rispetto al secondo bimestre 2019. La domanda va presentata all’INPS che in fase di istruttoria coinvolgerà l'Agenzia delle Entrate per i controlli.