Categoria:
Ambiente e sicurezza

A partire dal 29 ottobre 2022, entrerà in vigore il Decreto Ministeriali 3 settembre 2021, il quale va a specificare che la Valutazione rischio incendio va redatta anche per quelle attività lavorative considerate a “basso rischio “.

Il DM 3 settembre 2021 evidenzia che sono considerati luoghi di lavoro a basso rischio d’incendio quelli ubicati in attività non soggette (non ricomprese quindi nell’allegato I al d.p.r. 1 agosto 2011 n. 151) e non dotate di specifica regola tecnica verticale, aventi tutti i seguenti requisiti aggiuntivi:

  1. con affollamento complessivo ≤ 100 occupanti (persone presenti a qualsiasi titolo all’interno dell’attività);
  2. con superficie lorda complessiva ≤ 1000 m2;
  3. con piani situati a quota compresa tra -5 m e 24 m;
  4. ove non si detengono o trattano materiali combustibili in quantità significative (aventi un valore nominale del carico d’incendio specifico qf > 900 MJ/m2);
  5. ove non si detengono o trattano sostanze o miscele pericolose in quantità significative;
  6. ove non si effettuano lavorazioni pericolose ai fini dell’incendio.

In caso di ulteriori informazioni e/o chiarimenti che si dovessero rendere necessari e per chi dovesse redigere la Valutazione del rischio incendio, potete contattare l’ufficio Ambiente e Sicurezza di Confartigianato di Forlì.