Archivio Eventi Pagina 3

“Rialziamoci e ripartiamo insieme” è il titolo dell’appuntamento organizzato per fare il punto della situazione, fra provvedimenti già adottati per fronteggiare l’emergenza e quelli attesi, maggiormente strutturali, per aiutare persone e imprese a recuperare la normalità. Nonostante l’impegno dei volontari, della protezione civile, di militari, delle forze dell’ordine e il coraggio dei romagnoli, i danni arrecati dall’alluvione di maggio hanno segnato pesantemente la vita dei cittadini dei comuni colpiti. Un impatto non solo economico, ma anche psicologico. L’associazione ha raccolto queste necessità decidendo di promuovere l’approfondimento, con la collaborazione della psicologa del benessere Sonia Sassi. Introdotto dal presidente Luca Morigi, l'incontro vedrà anche la disamina sui provvedimenti disponibili per privati e imprese a cura del vice segretario Alberto Camporesi.

Conlegno ha organizzato per lunedì 26 giugno 2023, dalle ore 10.30 alle ore 12.30 il webinar gratuito e aperto a tutti gli interessati dal titolo "DEFORESTAZIONE ZERO E OBBLIGHI DELLE IMPRESE".

Il webinar mira a descrivere il regolamento EUDR e ad evidenziarne le ricadute operative sulle aziende che importano, immettono sul mercato o esportano, prodotti derivati da legno, palma da olio, soia, bovini, caffè, cacao e gomma. Un particolare approfondimento verrà dedicato ai nuovi obblighi delle imprese addette ai settori del legno, della carta, dell’arredo e dei combustibili lignocellulosici che già rivestono il ruolo di Operatore o Commerciante ai sensi della Timber Regulation. Per iscriversi, compilare il format “Modulo di iscrizione” reperibile alla pagina https://www.conlegno.eu/formazione-eventi (cliccare sul titolo del webinar presente nella lista “Formazione & eventi”). Il giorno prima verrà inviato all'indirizzo e-mail inserito nel modulo di iscrizione le modalità di accesso all'aula virtuale.

LE ISCRIZIONI CHIUDONO IL 22 GIUGNO 2023.

Il webinar vuole dare chiarimenti a seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea n. L150/206 del 9 giugno 2023 del “Regolamento (UE) 2023/1115 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 maggio 2023, relativo alla messa a disposizione sul mercato dell’Unione e all’esportazione dall’Unione di determinate materie prime e determinati prodotti associati alla deforestazione e al degrado forestale e che abroga il regolamento (UE) n. 995/2010” (noto come “EUTR-Timber Regulation”).

Il nuovo Regolamento (EUDR-Deforestation Regulation), che entrerà in vigore il prossimo 29 giugno (per alcune disposizioni sono previste tempistiche diverse), impone norme obbligatorie di dovuta diligenza a tutti gli operatori e commercianti che immettono, mettono a disposizione sul mercato dell'Ue o esportano dal mercato dell'UE le seguenti materie prime: olio di palma, bovini, legno, caffè, cacao, gomma e soia. Per facilitare la comprensione del Regolamento e i nuovi obblighi delle aziende afferenti ai settori del legno e dei prodotti derivati, Conlegno ha redatto anche un articolo pubblicato sulla rivista online “Sherwood”

Per essere sempre vicina alle necessità degli imprenditori e dei loro familiari colpiti dalla drammatica situazione vissuta in queste ore, Confartigianato di Forlì ha attivato una email emergenza@confartigianato.fo.it per raccogliere le segnalazioni su fermi e danni alle sedi dell'impresa o alle abitazioni private. L'Associazione si farà carico di verificare la fattibilità di attingere a contributi e finanziamenti per affrontare la calamità che ha colpito la Romagna, toccando così duramente Forlì e il suo comprensorio. Con l'auspicio che questo stato di emergenza possa cessare al più presto, il personale di Confartigianato rimane a disposizione per ogni chiarimento o informazione.

Sabato 20 maggio, alle ore 12 su Rai1, Linea Verde Start ci porta in Val d’Aosta dove l’artigianato è protagonista e custode di una storia millenaria. Il programma della rete ammiraglia Rai, realizzato in esclusiva con Confartigianato, ci fa conoscere le antiche tradizioni di un territorio in cui gli artigiani rappresentano un baluardo culturale e un presidio identitario. Rispetto dell’ambiente, profondo radicamento nella comunità, senso di appartenenza sono le caratteristiche degli imprenditori che operano in un contesto naturale tra i più suggestivi d’Italia.

In Valle d’Aosta l’artigianato è la sintesi tra l‘arte di saper fare e il saper fare ad arte, è lo straordinario equilibrio tra l’intelligenza della mano, la creatività della mente, la passione del cuore. E’ patrimonio di artigianalità che qui trova la sua espressione più genuina e rispettosa delle tradizioni manifatturiere locali. Tutto ciò è testimoniato da imprenditori come Fabrizio Martini, artigiano del cuoio, che nella sua selleria realizza i collari per i campanacci del bestiame. Un’antica arte che dà vita a capolavori utilizzati dagli allevatori ma ricercati anche dai collezionisti.

Un amore profondo per la natura quello che ispira Paolo Miante, artigiano caseario, che realizza specialità tra le più apprezzate d’Italia. Ed è sempre il legame con la terra valdostana al centro dell’attività di Erik Tognan, artigiano bio, che ne trasforma i frutti, mele, noci, patate, coltivati a quasi mille metri di altitudine.

Per Teodoro Martina, artigiano del ferro, il lavoro è pura emozione, è sinonimo di libertà di creare, di costruire pezzi unici che si richiamano ad una preziosa tradizione oggi riscoperta dai consumatori.

Anap Confartigianato lancia la quinta edizione della campagna “Più sicuri insieme” in collaborazione con il Ministero dell’Interno, il Dipartimento della Pubblica Sicurezza - Direzione Centrale della Polizia Criminale, con il contributo della Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza, con la collaborazione del supporto del Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale, per sensibilizzare la popolazione anziana sul tema della sicurezza, fornendo informazioni e consigli utili per difendersi dai malintenzionati e per prevenire i reati.

Come chiarisce il presidente del movimento, che rappresenta anziani e pensionati, Giuseppe Mercatali “gli anziani sono i più esposti ai fenomeni di criminalità. Considerando che in Italia gli over 65 rappresentano il 23% del totale della popolazione, il tema diviene centrale e richiede di intensificare attenzione e impegno nei confronti dei soggetti più vulnerabili. Bisogna stare in guardia, ma anche affidarsi con fiducia a chi può difenderci. Per questo la Campagna prevede l’alleanza con le Forze di Polizia in un’azione comune per tutelare i cittadini, soprattutto in vista dei mesi estivi durante i quali si moltiplicano i rischi per coloro che rimangono a casa, in condizione di solitudine.” La campagna prevede la distribuzione, in tutta Italia, di vademecum e depliant che contengono poche semplici regole, suggerite dalle Forze di polizia, per difendersi dai rischi di truffe, raggiri, furti e rapine in casa, per strada, sui mezzi di trasporto, nei luoghi pubblici, ma anche utilizzando Internet. Continua Mercatali “per sensibilizzare la popolazione abbiamo ripreso a essere presenti con il gazebo informativo Anap nei mercati cittadini. Sabato 6 maggio saremo a quello settimanale di Predappio, per distribuire il materiale informativo relativo alla campagna e, al contempo, illustrare le iniziative che mettiamo in campo proprio per favorire momenti di aggregazione e buone pratiche per contrastare le patologie legate all’invecchiamento.”

Sabato 29 aprile, col Congresso, si concluderà il percorso di rinnovo delle cariche elettive di Confartigianato di Forlì, avviato a inizio marzo. Con l’elezione, da parte dell'Assemblea, del nuovo presidente dell’associazione, verrà inserito anche l’ultimo tassello nello scacchiere degli incarichi dirigenziali. Essere componenti dei tre consigli dei movimenti o dei quattordici di categoria, dei cinque comitati zonali e di tutti gli organismi rappresentativi, richiede grande passione, capacità di ascolto e voglia di mettersi in gioco, per essere efficacemente cassa di risonanza delle istanze di coloro da cui si è ricevuto il mandato. Una comune consapevolezza, quella di eletti e votanti che, quotidianamente, affrontano le criticità del lavoro autonomo: dalla burocrazia, al costo del lavoro, sino alle difficoltà di accesso al credito, una visione comune e un patto di fiducia che si rinnova ogni 4 anni.

Nuova iniziativa culturale promossa da Anap Confartigianato Forlì. Sono due le opportunità in calendario nella giornata di sabato 20 maggio, alle ore 15.20 e alle 17.20, di poter visitare, accompagnati dalle parole di una guida esperta, la mostra "L'arte è moda. L'età dei sogni e delle rivoluzioni 1789-1968" al Museo San Domenico di Forlì, in piazza Guido da Montefeltro.

La moda dipinta, ritratta, scolpita, realizzata dai grandi artisti. Alla mostra è possibile ammirare 300 opere tra quadri, sculture, abiti e accessori che mettono in dialogo artisti del calibro di Balla, Boccioni, Boldini, Canova, De Chirico, Hayez, Matisse, Mondrian e Picasso con stilisti della levatura di Armani, Balestra, Capucci, Chanel, Dior, Ferrè, Gucci, Valentino, Versace e innumerevoli collezioni di vestiti storici.
Oscar Wilde: “O si è un'opera d'arte o la si indossa”

La visita sarà condotta dalla guida Lisa Rodi, il costo, comprensivo di ingresso, prenotazione, visita guidata e radioguida, è di

  • 15 euro per i soci ANAP
  • 20 euro per i non soci
  • 6 euro per i ragazzi da 6 a 14 anni.

Per motivi organizzativi le prenotazioni saranno considerate valide contestualmente al versamento della quota.
Si ricorda che occorre presentarsi al punto di ritrovo circa 20 minuti prima dell’orario.
Il gruppo sarà formato da un massimo di 25 persone.

Per informazioni e prenotazioni contattare
Giuseppe Mercatali 347 6485722
Silvia Foschi 0543 452909 silviafoschi@confartigianato.fo
entro Martedì 2 maggio 2023

Giovedì 30 marzo dalle 16,30 si svolgerà, il secondo appuntamento dei tre previsti nell'ambito dell'iniziativa formativa organizzata da Donne Impresa e Giovani Imprenditori, in collaborazione con la Fattoria dei Talenti.

Il secondo incontro sarà incentrato sull’organizzazione, per individuare un nuovo schema più funzionale ai risultati. Tra i punti analizzati: uscire dall’urgenza; distinzione tra concetto di urgenza e di attività a valore; imparare a gestire il proprio tempo e quello dei collaboratori eliminando inutili sprechi di tempo; accenno ai vantaggi di utilizzare il tempo in modo funzionale ai risultati secondo il modello dei quadranti del tempo di Covey.

Per informazioni contattare la coordinatrice di Donne Impresa Fabiola Foschi allo 0543452844.